Oggi a Ispica è la festa della Patena Ispica

Condividi

Ispica – Oggi martedì 5 marzo ad Ispica presso la Basilica S. Maria Maggiore avrà luogo la festa delle Reliquie della S. Croce conosciuta come “Patena”.La storia del SS. Cristo Flagellato alla Colonna e l’antica Fede tramandata fin dai tempi remoti dell’antica Chiesa di S. Maria della Cava rivivono in tutti i riti che da secoli vengono tramandati nella Basilica fin dalle prime luci dell’alba della “Festa della Patena” e nei successivi Venerdì di Quaresima.Trattasi dell'aureola reliquiaria posta sul capo del simulacro del SS. Cristo Flagellato alla Colonna, al cui interno sono incastonate le reliquie della Santa Croce. Tra le diverse notizie storiche (custodite nell’Archivio di Stato di Modica) troviamo, con particolare riferimento alla Patena, gli atti di due Notai ispicesi del 1693-1694: nel primo, datato 14 Aprile 1693, si attesta che l’eremita Padre Giovan Battista da Milano dona all’Ill.mo Fra D. Maurizio Statella un’insigne Reliquia della SS.ma Croce del Signor nostro Gesù Cristo: “Essa è formata da due pezzetti disposti in croce ed è posta in un ‘cristallo di Monte’ dentro una croce d’argento sopra un pezzetto di tessuto di velluto piano raccamato d’oro e d’argento. Era dono del Cardinale Maidalchini (sic) ed aveva la fede e l’autentica”; nell’atto del Notaio Giuseppe Monaco (31 ottobre 1694) è trascritta una lettera testimoniale dotata di sigillo firmata dall’Em.mo Cardinale F. Maidalchini nella quale si attesta la provenienza dalla Chiesa di S. Croce a Gerusalemme col permesso del Papa Innocenzo X. E nell’atto del Notaio Mariano (16 aprile 1693) risulta che Don Maurizio “quando si trovò in miserrimo e funestissimo stato,durante il turbamento del terremoto, per il rischio della sua vita e la sua salvezza, data la sua singolare devozione al SS.mo Crocifisso posto alla Colonna … fece voto di offrire ad essa un dono grande e straordinario della suddetta insigne Reliquia”.Pertanto, la reliquia della Patena costituisce un’ulteriore conferma della nostra storia ed identità: la specifica indicazione del “SS. Crocifisso posto alla Colonna” e l’intreccio con il terribile terremoto del 1693 testimoniano per ognuno di noi l’ardore e la fede sincera di chi, nella tragedia e nella difficoltà più grande, ha saputo trovare ai piedi del SS. Cristo la forza per andare avanti.La Reliquia della S. Croce in cui venne crocifisso Gesù Cristo si conserva nella chiesa S. Maria Maggiore da circa tre secoli. Venne donata a don Maurizio Statella da frate Giovan Battista da Milano. La reliquia venne autenticata dalla Curia vescovile di Siracusa il 22 luglio del 1624, dietro autorizzazione di Papa Innocenzo X. A seguito del terribile terremoto dell’11 gennaio 1693 che rase al suolo l’antica Spaccaforno, il marchese Statella, miracolosamente illeso, donò la reliquia alla Basilica S. Maria Maggiore.La festa della Patena ha origine nell'antico calendario liturgico siciliano che celebrava la flagellazione di Gesù, il martedì precedente il mercoledì delle Ceneri.La festa, detta anche il “Giovedì Santo Piccolo”, segna per i fedeli e l’intera Comunità l’inizio della preparazione alla Quaresima e ai suggestivi riti della Settimana Santa, tra i più conosciuti in tutta l’isola.La festa si svolgerà secondo il seguente programma: ore 10,30 Concelebrazione Eucaristica in Basilica; seguirà la processione con la “Patena”, con la partecipazione dei Confrati, dei Fazzoletti Rossi, Assoc. Addolorata, delle altre Associazioni e Gruppi Parrocchiali, per le seguenti vie: Meli, Bianchi, Galliano, Raffaello, Roma, P.zza Unità d’Italia, XX Settembre e rientro in Basilica con solenne benedizione finale e tradizionale saluto al SS. Cristo Flagellato alla Colonna, saluto che – per tutti gli appartenenti alla Comunità ed al popolo ispicese – costituisce l’inizio ideale ai riti dei successivi Venerdì di Quaresima.

Fonte: RagusaNews  (leggi originale)

La Finanza sequestra un chilo di cocaina a Ispica a casa di donna 40enne Ispica

Ragusa – La Guardia di Finanza ha messo a segno nei giorni scorsi un’importante colpo contro il traffico di sostanze stupefacenti nella provincia di Ragusa, sequestrando oltre un chilogrammo di cocaina che stava per essere immessa sul mercato clandestino di spaccio. I militari della Tenenza di Pozzallo hanno individuato una serie di possibili luoghi sospetti, ritenuti probabili punti di deposito di sostanze stupefacenti. In particolare, i Finanzieri hanno posto l’attenzione su una serie di abitazioni di Ispica, situate nei pressi della principale arteria stradale del paesino ibleo, dove nei giorni scorsi erano stati notati strani movimenti. I sopralluoghi ed gli appostamenti eseguiti nelle immediate vicinanze di uno di questi immobili, confermavano le ipotesi degli investigatori atteso che l’occupante della casa, una signora ispicese incensurata (A. A. di 40 anni), manifestava un atteggiamento alquanto sospetto, anche in relazione alle informazioni raccolte sulla sua vita personale.Spesso, infatti, la donna, senza un apparente fondato motivo sostava all’esterno dell’abitazione con fare nervoso all’esterno dell’abitazione, come per controllare i dintorni della casa o come se fosse in attesa di qualcuno. Alla luce di queste indizi, nella notte tra il 25 ed il 26, i militari, avvalendosi anche della collaborazione di unità cinofile della Compagnia di Siracusa, decidevano di effettuare un controllo nell’abitazione, dove veniva rinvenuta nella camera da letto una busta regalo con all’interno un pacco sigillato contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina, per un peso complessivo di 1,210 kg. Già dai primi accertamenti, la sostanza risultava essere di eccellente qualità, presentando alcune caratteristiche tipiche della cocaina ancora “non tagliata”. Infatti, la sostanza si presentava ancora solida e molto compatta, oltre che essere caratterizzata da un intenso luccichio, tipico dei cristalli contenuti e comprovanti l’elevata percentuale di principio attivo. Difatti, le analisi speditive eseguite sulla polvere bianca non lasciavano alcun dubbio circa la tipologia di droga detenuta. L’operazione si concludeva con l’arresto in flagranza di reato della donna, che nel frattempo è già stata messa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Ragusa la quale ha convalidato arresto e perquisizione, disponendo la custodia cautelare agli arresti domiciliari dell’indagata, in ragione della particolare situazione familiare. La sostanza stupefacente è stata inviata invece all’ASP di Ragusa, al fine di accertare precisamente il numero di dosi ricavabili e quantificare i presumibili ricavi che avrebbe potuto fruttare al minuto spaccio. Da una valutazione approssimativa comunque si tratterebbe di non meno di 100.000 euro. Proseguiranno nei prossimi giorni gli accertamenti finalizzati ad individuare la provenienza della cocaina e gli altri responsabili dell’illecita attività. 

Fonte: RagusaNews  (leggi originale)

Ispica, ecco il progetto del Parco Forza. FOTO Ispica

Ispica – La Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Ragusa, con in testa il Soprintendente arch. Calogero Rizzuto, alla presenza dell'Assessore regionale prof. Sebastiano Tusa, ha proceduto alla consegna dei lavori per la riqualificazione del Parco Forza. Il progetto prevede un impegno finanziario che va ben oltre i due milioni di euro.Era presente l'Onorevole Nello Dipasquale che sin dal 2014 ha seguito l'iter del progetto intervenendo politicamente a più riprese per far sì che il territorio ispicese potesse beneficiare di tali importanti risorse.Non c'è dubbio alcuno che tutta la Soprintendenza di Ragusa merita un plauso particolare per aver dimostrato grande competenza e tempestività. "Un'azione sinergica tra più Enti scesi in campo-dichiara il sindaco Pierenzo Muraglie- permetterà alla nostra città di poter godere di un sito, già straordinariamente affascinante, capace di attrarre turisti offrendo servizi adeguati.Il fatto che Ispica sia al centro di tante attenzioni positive non può che rappresentare motivo d'orgoglio. Si tratta di un'occasione di crescita straordinaria per la nostra città che dobbiamo cogliere prontamente promuovendo il territorio ed il nostro patrimonio.Il Soprintendente Rizzuto ha comunicato di aver chiesto alla Soprintendenza di Siracusa il rientro ad Ispica del relitto della nave di Pantano Longarini che sarà allocata presso l'ex macello comunale già vincolato per questa destinazione dall'Amministrazione Comunale.È stato eseguito apposito sopralluogo con il Prof. Tusa. Anche questa è una legittima "rivendicazione" del territorio che si concretizzerà presto.È doveroso ricordare l'impegno profuso in passato da tanti uomini della nostra città come l'ex sindaco dott. Rosario Gugliotta ed il Preside Prof. Franco Sesto Bellisario affinchè ciò si realizzasse. Era presente anche l'Onorevole Orazio Ragusa che ha ribadito piena disponibilità ad operare per il bene della città di Ispica e di tutto il territorio".

Fonte: RagusaNews  (leggi originale)

“La donazione degli organi moltiplica la vita”. Un confronto dell’Aido con gli studenti di Ispica delle scuole Curcio e Padre Pio

“La donazione degli organi moltiplica la vita”. Questo il tema dell’incontro che si è svolto stamattina nell’aula magna dell’Istituto Curcio fra studenti e responsabili AIDO (Associazione Italiana Donatori Organi). Sono stati presenti gli studenti di tutti gli indirizzi liceali e gli studenti di scuola media dell’Istituto Comprensivo Padre Pio da Pietrelcina di Ispica. Lo spunto alla conferenza è stato dato dal ripristino, dopo quattro anni, in Sicilia del premio letterario Nicholas Green, il premio istituito dalla Legge Regionale n 15 del 95 per mantenere vivala memoria del bimbo statunitense morto nel 1994 a 7 anni in un incidente sulla Salerno-Reggio Calabria, i cui organi sono stati donati dai genitori per salvare la vita a sette italiani.L’incontro Liceo Curcio di Ispica è voluto essere un primo incontro provinciale divulgativo del premio e soprattutto del tema della donazione di organi. Dopo diversi anni di oblio del premio, l’Assessorato Regionale Istruzione e Formazione retto dall’assessore Roberto Lagalla ha decretato il rifinanziamento del premio proprio dall’anno scolastico 2018-2019 accogliendo le sollecitazioni delle associazioni di volontariato e dell’Associazione Nazionale Presidi rappresentata in Sicilia dal vicepresidente nazionale Maurizio Franzò, dirigente scolastico dell’Istituto di istruzione superiore Curcio di Ispica e dell’Istituto Comprensivo Padre Pio.In ogni provincia sono stati istituti 9 premi annuali destinati ad alunni della scuola primaria, secondaria di primo e di secondo grado.A relazionare il dirigente scolastico degli istituti Curcio e Padre Pio di Ispica Maurizio Franzò, il referente regionale AIDO (Associazione Italiana Donazione Organi) Giuseppe Distefano che ha raccontato la sua scelta di vita di donare gli organi di suo figlio Luigi morto a 19 anni. Sono anche intervenuti i delegati provinciale dell’Aido Maurizio e FrancescoPluchino, rispettivamente padre e cugino di Damiano morto lo scorso dicembre dopo aver sperato in un trapianto di polmone che non è arrivato. I racconti forti dei relatori hanno emozionato molto la platea di docenti e studenti che, al termine dell’incontro, si è stretta in un abbraccio a Giuseppe Distefano e a Maurizio e Francesco Pluchino con gratitudine per il dono della testimonianza. “Crediamo molto nella valenza formativa di questi momenti – ha detto il preside Maurizio Franzò – e l’istituto Curcio sarà in prima linea per la promozione di una sensibilizzazione capillare sul tema in tutte le scuole della provincia”.

Fonte: radiortm.it  (leggi originale)

Consegnati i lavori di riqualificazione del Parco Forza Ispica

“La consegna dei lavori di riqualificazione e valorizzazione funzionale di Parco Forza a Ispica, avvenuta questa mattina, rappresenta il raggiungimento di un traguardo importante per la provincia di Ragusa, frutto di un lungo impegno cominciato più di cinque anni fa, al quale sono orgoglioso di aver contribuito con il mio impegno”. Lo ha dichiarato l’on. Nello Dipasquale, parlamentare regionale del Partito Democratico e segretario alla Presidenza dell’ARS, a margine della cerimonia di consegna dei lavori di riqualificazione dell’area archeologica di Parco Forza che prevedono una nuova biglietteria, la valorizzazione dei sentieri, una sala multimediale, un centro ristoro, un bookshop e sistemi di realtà aumentata per consentire ai visitatori di godere del sito con supporti multimediali di nuova generazione. “A gennaio del 2014 – ricorda Dipasquale – l’allora presidente della Regione Crocetta annunciava che sarebbero arrivati in provincia di Ragusa oltre 14 milioni di euro per le aree archeologiche al fine di potenziarne la fruibilità. Di questi 13 ben 2milioni e 224mila euro erano previsti per Parco Forza, tramite un progetto a valere sul PON Cultura e Sviluppo Fers 2014-2020, confermato nel 2016 dal Governo Renzi con l’aiuto del sottosegretario Davide Faraone. Di quelle somme, è bene rammentarlo, ci sono ancora i quasi 5milioni per l’area archeologica di Kamarina, oltre 2milioni per Cava d’Ispica, i 5milioni e 400mila euro circa per il recupero del Convento del Gesù a Ragusa Ibla con l’annesso allestimento del Museo Archeologico Ibleo. Nell’arco temporale di poco più di 5 anni, insomma, la provincia di Ragusa ha visto ammessi a finanziamento e consegnati lavori per un totale di 14 milioni di euro che non solo sono destinanti a una migliore fruizione del nostro patrimonio culturale, ma che si traducono anche in lavoro e, quindi, ricchezza immessa nel tessuto economico del nostro territorio. Il traguardo odierno – aggiunge il parlamentare del Pd – serva da stimolo al Governo regionale e a quello nazionale: non si limitino solo a tagliare nastri e a consegnare lavori frutto dell’azione politica che li ha preceduti. Così come allora, noi, da esponenti delle precedenti maggioranze, abbiamo lavorato per far arrivare risorse e finanziamenti in questa provincia, da parte da parte della maggioranza che sostiene Musumeci e dagli esponenti del M5S che sono in maggioranza al Governo nazionale ci aspettiamo che riescano anche loro a fare arrivare nuove risorse. Ad oggi, ancora, non abbiamo visto nulla di simile e io per primo mi congratulerò con loro quando e se ci riusciranno. Per ora beneficiamo del lavoro fatto negli anni precedenti”. “Mi corre l’obbligo di ringraziare – conclude – la Soprintendenza ai Beni Culturali di Ragusa, i suoi uffici che in questi anni si sono dedicati alla complessa burocrazia necessaria per accedere ai finanziamenti e arrivare alla consegna dei lavori, al soprintendente Calogero Rizzuto che da tre anni è a capo della struttura di Ragusa: l’ente che in ambito regionale, mi piace ricordarlo, più di ogni altro sta completando la consegna dei lavori a progetto Pon Cultura con somme complessivamente così elevate. Al soprintendente Rizzuto, dunque, vanno i miei più sentiti complimenti per il lavoro svolto”. [image: image.png]

Fonte: Ragusa Oggi  (leggi originale)

Al via i lavori di riqualificazione e valorizzazione del Parco archeologico regionale della Forza – Ispica

Al via i lavori di riqualificazione e valorizzazione funzionale del Parco archeologico regionale della Forza. Si tratta di un intervento notevole per un impiego di 2 milioni 224.000 euro di fondi comunitari nell’ambito del Pon “Cultura e sviluppo” Fesr 2014-2020. Il progetto, avviato dalla Soprintendenza ai Beni culturali di Ragusa, è stato seguito sin dai suoi primi passi dall’on Nello Dipasquale, trattandosi di un intervento pienamente condiviso dal Pd e dall’Amministrazione comunale di Ispica per il rilancio del Parco Forza. Previsti il rifacimento dei percorsi, la ricostruzione della tettoia del palazzo Marchionale, per consentirne una maggiore protezione, la costruzione di un nuovo locale per l’accoglienza dei visitatori, più confortevole anche per il personale addetto, la ristrutturazione dell’Antiquarium, la realizzazione di un palchetto mobile per migliorare la fruizione del teatro incavato sulla roccia, l’abbattimento di tutte le barriere architettoniche, la disponibilità di una video-descrizione in alta definizione del Centoscale, visto che è impossibile entrarvi per motivi di sicurezza, la realizzazione dell’illuminazione, al fine di rendere fruibile il parco anche nelle ore serali, il rifacimento della recinzione. Con questi interventi il Parco Forza avrà una fruibilità decisamente diversa a tutto vantaggio dei visitatori e di chi vi lavora. Il Partito democratico, nell’esprimere massima soddisfazione per questo importante traguardo raggiunto, frutto di anni di attenzioni costanti e di lavoro, ringrazia la Soprintendenza ai Beni culturali, con in testa il soprintendente, l’architetto Calogero Rizzuto, e il dottor Giovanni Di Stefano, direttore del Polo museale della provincia di Ragusa, di cui il parco Forza fa parte. I lavori dureranno cinque mesi, dal primo marzo al 31 luglio. Alla riapertura Ispica e tutto il sistema culturale ed archeologico della provincia avranno un’offerta rivolta a turisti, studiosi ed appassionati più qualificata e sicuramente di grande richiamo.

Fonte: CorrierediRagusa.it  (leggi originale)

Beni culturali, al via i lavori di riqualificazione del Parco Forza di Ispica | BlogSicilia

Domani 27 gennaio alle ore 11.30, al Parco Forza di Ispica (RG), verranno consegnati dall’assessore dei Beni culturali Sebastiano Tusa i lavori di riqualificazione e valorizzazione funzionale del Parco in provincia di Ragusa. Un progetto PON Cultura e Sviluppo Fesr 2014-2020 che prevede la realizzazione di un sistema di accoglienza con biglietteria, bookshop, bar, sala multimediale, nuova sentieristica e sistemi di realtà aumentata che consentiranno di visitare il sito con supporti multimediali di grande suggestione. Alla consegna dei lavori, oltre all’assessore Tusa, saranno presenti il Soprintendente di Ragusa Calogero Rizzuto e il Sindaco di Ispica Pierenzo Muraglie.

Fonte: BlogSicilia.it  (leggi originale)

Riqualificazione del parco Forza di Ispica

Mercoledì 27 febbraio, alle 11,30 alla presenza dell’assessore regionale Sebastiano Tusa e di altre autorità, saranno consegnati i lavori di riqualificazione e valorizzazione funzionale del Parco archeologico regionale della Forza. Si tratta di un intervento notevole per un impiego di 2milioni 224mila euro di fondi comunitari nell’ambito del PON “Cultura e sviluppo” FESR 2014-2020. Il progetto, avviato dalla Soprintendenza ai Beni culturali di Ragusa, è stato seguito sin dai suoi primi passi dall’on. Nello Dipasquale, trattandosi di un intervento pienamente condiviso dal Pd e dall’Amministrazione comunale di Ispica per il rilancio del Parco Forza. Previsti il rifacimento dei percorsi, la ricostruzione della tettoia del palazzo Marchionale, per consentirne una maggiore protezione, la costruzione di un nuovo locale per l’accoglienza dei visitatori, più confortevole anche per il personale addetto, la ristrutturazione dell’Antiquarium, la realizzazione di un palchetto mobile per migliorare la fruizione del teatro incavato sulla roccia, l’abbattimento di tutte le barriere architettoniche, la disponibilità di una video-descrizione in alta definizione del Centoscale, visto che è impossibile entrarvi per motivi di sicurezza, la realizzazione dell’illuminazione, al fine di rendere fruibile il parco anche nelle ore serali, il rifacimento della recinzione. Con questi interventi il Parco Forza avrà una fruibilità decisamente diversa a tutto vantaggio dei visitatori e di chi vi lavora.

Fonte: Reteiblea  (leggi originale)

Maltempo, Ispica si lecca le ferite, arriva assessore all'agricoltura

Ispica – La foto che pubblichiamo è quella di un albero che sotruisce l'accesso a Borgo Rio favara. Gli impianti serricoli di Ispica sono quelli che hanno subito i maggiori danni in queste ore.  Domani, lunedì, l'assessore regionale all'agricoltura sarà a Ispica.  "A seguito dei forti venti, neve e gelate che in queste ore hanno flagellato il sud est della Sicilia causando ingenti danni all’agricoltura, già domani, lunedì 25 febbraio, l’assessore regionale per l’Agricoltura, Edy Edgardo Edy Bandiera, si recherà nei territori di Siracusa, Pachino, Portopalo e Ispica per una prima ed immediata ricognizione dei danni subiti dal territorio e dalle aziende agricole.Sono già stati inoltre prontamente allertati gli Ispettorati provinciali dell’Agricoltura, che domattina, essendo peraltro il danno ancora in corso, si recheranno sul campo per una prima stima dei danni, presupposto fondamentale per avviare qualsiasi iniziativa a tutela dell’agricoltura".

Fonte: RagusaNews  (leggi originale)

A Ispica il vento ha provocato danni alle aziende agricole

Dalle primissime ore di stamattina, Polizia Locale, Carabinieri, Gruppo Volontari della Protezione Civile ed operai comunali pattugliano il territorio per garantire l’incolumità pubblica e rispondere alle varie segnalazioni pervenute.“Si registrano fortunatamente solo danni a cose – dichiara il sindaco Pierenzo Muraglie -con ingenti danni nel comparto agricolo. Ho sentito i titolari di moltissime aziende locali portando la mia vicinanza ed invitandoli ad una prima ricognizione dei danni.Ho sentito l’Assessore regionale all’agricoltura Edy Bandiera rappresentando quanto accaduto e la necessità di risposte concrete urgenti per le imprese locali. L’ Assessore Bandiera ha risposto prontamente all’invito e domani mattina sarà a Palazzo di Città per un confronto sui percorsi da intraprendere”. La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

Fonte: radiortm.it  (leggi originale)